Diagnosi sali in muro umido
protocollo prelievo di campioni per analisi
Cromatografia Ionica
secondo UNI 11087 Beni Culturali - Specie ioniche

Prelievo campioni per analisi
Confezionamento bustine campioni materiale

Prelievo campioni

I campioni saranno prelevati (più comodamente da due persone come da foto) alla profondità di 0 -> 10-15 mm mediante trapano con punta al vidia dia. 6-7 mm e posti in bustine in plastica (mai di carta).

Quantità

Per ogni campione saranno prelevati 20-30 grammi di materiale (foto).

Imbustamento

La parte superiore aperta della bustina verrà ripiegata verso il basso e fissata al corpo sottostante mediante una striscia di scotch ripiegata verso il retro ai lati. Vedi sequenza foto.
Sul fronte la striscia di scotch verrà chiaramente numerata con una sigla del tipo: XY-(sigla che identifica il cantiere) e il numero attribuito al campione 1, 2, 3,ecc.

Numero dei prelievi

Il numero dei prelievi sarà in linea di massima di almeno 2 campioni da circa 30 cm e circa 90 cm dal pavimento del locale. Comunque, se il degrado e/o l'umidità sono palesi ad altezze maggiori, saranno presi ulteriori campioni a giudizio del DL.

NB. I campioni di verifica di una estrazione con Cocoon Westox mangiasali bio dovranno essere prelevati dallo stesso materiale entro 4-5 cm dai campioni originali.

Classificazione

Verrà redatta una Tabella generale del numero del campione e della sua posizione.Per cantieri importanti, saranno erette Verticali in prospettiva tridimensionale numerate sul perimetro della pianta del locale lungo le quali saranno riportate l'altezza dal pavimento, il numero del campione ed eventualmente altre misure quali il contenuto di umidità con igrometro, la misura della risalita con Voltmetro, ecc. Ad es. "Parete esterna abside. Intonaco. Verticale n.2. Altezza 70 cm".

Analisi. Le analisi saranno eseguite secondo UNI 11087 Beni Culturali, Specie ioniche mediante Cromatografia Ionica per la percentuale in peso degli Anioni: Cloruri, Solfati, Nitrati. Oltre a ciò, per alcuni campioni saranno cercati anche i Cationi metallici: Sodio, Potassio, Magnesio, Calcio. La somma dei sette ioni (anioni più cationi) sarà la quantità di Sali Totali previsti dalla Tabella nel Capitolato Speciale per il Restauro Architettonico DEI.

NB. Il metodo della Conduttività per la determinazione dei Sali Totali, pur previsto nella UNI 11087 non è consigliato in quanto non misura la quantità di sali in peso vera e propria esistente, ma bensì solo una proprietà astratta di una soluzione salina (appunto, la conduttività totale in microSiemens/cm) che può servire solo per misure comparate, cioè in diversi punti nello stesso momento, oppure nello stesso punto in diversi momenti.

Rischio per la conservazione della superficie come definito nel Capitolato Speciale per il Restauro Architettonico. Ed DEI:

"Il degrado e i danni saranno in proporzione alla quantità percentuale in peso dei sali totali presenti nel muro. In linea generale un muro potrà essere classificato:

Stato percentuale in peso Sali Totali Rischio per la
conservazione
Pulito meno dello 0,20% Nessuno
Poco contaminato dallo 0,30% al 0,50% Pochi danni
Mediamente contaminato dallo 0,60% al 1,50% Danni medi
Molto contaminato dallo 1,60% al 3,00% Danni seri
Gravemente contaminato oltre il 3,00% Danni gravi estesi

L'abbassamento del contenuto salino totale del muro sotto allo 0,20% garantisce che il muro è sano, e rimarrà tale se non entrano nuovi sali." Fine Citazione

NOTE

1- Su muri dai quali è stato tolto un intonaco marcio quasi sempre basterà una sola applicazione di bio-estrattore Cocoon mangiasali (l'unico esistente) in quanto molti sali saranno già stati tolti dall'intonaco e l'applicazione rimuoverà del tutto i sali residui nel muro stonacato.
2- Viceversa, sarà quasi sempre necessaria almeno una ulteriore applicazione di Cocoon mangiasali:

  • a- Con contaminazioni totali di oltre il 3,0 %
  • b- In presenza di sali nitrati NO3 in quantità superiore allo 0,15%

NB. I sali nitrati provengono da concimi azotati agricoli, da escrementi di bovini, suini, ovini e di uccelli, il guano. Inoltre, da decomposizione di proteine organiche (umani compresi). Si trovano pertanto in abbondanza in campagna, in ex-stalle, nei cimiteri, chiese, monasteri, centri storici medievali, siti di battaglie ecc.

Il numero di applicazioni necessario per raggiungere, nel caso particolare, la soglia ideale potrà essere valutato considerando che, mediamente, una applicazione può estrarre fino a 1% di sali

ASSISTENZA

Arch. Edgardo Pinto Guerra - Telefono 348 7057354

Scarica PDF esempio di tipica analisi